Read Time:1 Minute, 17 Second

La notizia trapelava già da diversi giorni. E oggi è arrivata l’ufficialità. La Federazione Italiana Giuoco Calcio, al termine del Consiglio Federale, ha annunciato tramite comunicato stampa lo stop definitivo dell’attività dilettantistica. Sono dunque interessate da tale provvedimento le competizioni calcistiche maschili dal quarto livello (Serie D) a scendere, campionati regionali inclusi, il futsal e tutte le competizioni femminili, Serie A esclusa, sulle cui sorti il Consiglio si riserva di deliberare in un secondo momento. Saranno completati, invece, i campionati professionistici di calcio a 11 (Serie A, B e C).

Sono quindi risultati inapplicabili da parte dei club i protocolli sanitari raccomandati delle autorità governative per il prosieguo delle attività sportive. Sia a causa di impedimenti di natura economica per le società, sia a causa delle scarse tutele nel rapporto lavorativo sportivo di natura dilettantistica, come denunciato dai diretti interessati.

In ogni caso non si tratta di una decisione sorprendente, dato che già negli scorsi giorni il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, l’on. Cosimo Sibilia, si era detto pessimista circa le possibilità di ripresa. Resta da sciogliere il nodo sui verdetti dei campionati non conclusi: in tal senso è attesa venerdì mattina una delibera del consiglio della LND.

Ci sono probabilità che siano promosse le squadre che, all’ultima giornata regolamente disputata, avevano maturato una posizione di classifica utile, mentre dovrebbero essere bloccate le retrocessioni per evitare che un’ondata di ricorsi ingessi l’attività della giustizia sportiva nei prossimi mesi, fermo restando le disposizioni processuali eccezionali previste dal Decreto Rilancio e volte ad accelerare l’iter attuale.

Alessandro Rosano

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *