Read Time:2 Minute, 24 Second

“Conversando con le stelle. Percorsi di vita nel mondo della fantascienza e del fantastico”, di Filippo Radogna, prefazione di Donato Altomare, Edizioni Scudo (Roma, 2020), pag. 180, euro 12.00.

Il giornalista materano Radogna ha raccolto gli spunti, è il caso di dire, fantastici assai di Shatner, ovvero il capitano J.T. Kird dell’arcinota serie di fantascienza Star Trek, sceso sul suolo materano, insieme ad altre 44 interviste fatte a scrittori, registi, studiosi, giornalisti, divulgatori, e artisti aderenti alla World science fiction Italia, sodalizio che promuove la cultura, appunto, della vasta, anzi spaziosa fantascienza. “Conversando con le stelle” è il nuovo libro di Filippo Radogna, quindi,  che s’era già distinto in questo genere che mescola scienza, tecnologia, cultura dell’immaginario e avventura, vincendo per ben due volte il Premio Italia e il Premio Vegetti con la fortunata antologia di racconti “L’enigma di Pitagora e altre storie” (Altrimedia Edizioni, Matera).

“La fantascienza è un grande esercizio di immaginazione teso a ideare il futuro”, queste le parole che utilizzò il celebre attore hollywoodiano, William Shatner, rispondendo sull’argomento al giornalista e scrittore materano Filippo Radogna. E non a caso proprio con quest’espressione s’apre il volume “Conversando tra le stelle. Percorsi di vita nel mondo della fantascienza e del fantastico”, pubblicato presso Scudo, casa editrice nota in ambito fantascientifico. “Nel suo nuovo volume  – scrive Donato Altomare, in sede di prefazione – Radogna conversa sia con grandi autori sia con giovani promesse italiane. Leggendo il testo – s’apprende ancora dalla prefazione del pluripremiato Altomare – avrete modo di comprendere meglio questo mondo poco conosciuto ma che ha un grande fermento in Italia”. Nelle interviste, dai toni informali, si scende nel profondo di suggestive personalità, affrontando riflessioni che vanno dalla letteratura, all’arte, dalla scienza, alla politica, dalle visioni del futuro a temi di attualità tra cui la pandemia da coronavirus. Fra i 45 autori è presente la scrittrice e musicista lucana Loredana Pietrafesa, di Potenza, a dimostrazione che la Basilicata esprime una vivacità e modernità letteraria che passa anche attraverso la fantascienza.

L’autore, nato a Matera nel 1964, è giornalista professionista; tra le varie testate, ha scritto per L’Umanità e Il Corriere del Giorno, e attualmente collabora con il Roma e La Nuova del Sud, tra le altre cose. “Attivo nel mondo del fantastico – leggiamo da una sua breve biografia – collabora con il  sito della World Science Fiction Italia e con la fanzine www.lazonamorta.it per i quali ha realizzato reportage e ha intervistato alcuni dei più noti scrittori sia del mainstream sia della fantascienza italiana e mondiale oltre a celebri attori delle serie tv e cinematografiche di Star Trek, Star Wars, Doctor Who e Spazio 1999. Dal punto di vista narrativo ama spaziare in diversi generi letterari e i suoi racconti sono stati pubblicati fra l’altro da Kipple Officina Libraria, Delos Books, Edizioni Scudo, La Luna e il Drago”.

NUNZIO FESTA

1 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *