Read Time:1 Minute, 56 Second

I SINDACATI dei Vigili del Fuoco scrivono a Bardi: la riduzione della campagna antincendio è un errore. I segretari regionali di Fns-Cisl, Rocco Scarangella, Fg-Cgil Nicola Cosentino, Uil-Pa, Antonio Verrastro e Confsal, Michele Cinnella hanno firmato una lettera aperta inviata al presidente
della giunta della Regione Basilicata, Vito Bardi. “Le scriventi OO.SS. del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, apprendono, con amarezza, che la campagna AIB 2020 – s’apprende dal documento inviato a via Anzio – subirà una drastica riduzione di risorse poste a disposizione, rispetto a quanto accaduto per gli anni precedenti. E’ di pubblico dominio – s’apprende sempre dalla nota – che la salvaguardia della superficie boscata, patrimonio indispensabile per l’ecosistema e la prevenzione di frane e smottamenti (…) è affidata a codesto Ente, che si avvale per il contrasto agli
incendi dei Vigili del fuoco. Oltretutto, simile scelta politica (di stanziare esigue risorse economiche), colpirà anche il pattugliamento delle coste (sia tirrenica che ionica) ad opera del Corpo, ponendo a grave rischio la prontezza di interventi sia per i bagnanti che per quanto concerne
l’avvistamento degli incendi delle coste”.

I pompieri lanciamo quindi l’allarme: “Tutto questo si ripercuoterà su tutto il sistema soccorso, dovendo predisporre una ridotta presenza di squadre sul territorio associato ad un periodo di vigilanza che andrà dal 1 luglio al 31 agosto, tra l’altro in
contrasto con il suo D.P.G.R. n. 85/2020 che estende il periodo di grave pericolosità per gli incendi boschivi al 15 settembre”. Per rafforzare le argomentazioni, la lettera riporta quindi un esempio concreto, un incidente verificatosi qualche giorno fa a Maratea: una donna è precipitata da una
scogliera ma l’impossibilità dei pompieri ad agire via mare ha prolungato i tempi del comunque provvidenziale soccorso. “Si recuperino ulteriori risorse”, sottolineano i rappresentanti sindacali dei Vigili del fuoco. Perché, puntualizzano: “Noi crediamo che la tutela della vita umana insieme al
patrimonio boschivo ed alle bellezze naturali, non debbano subire tagli di risorse, anzi”.

I dati parlano chiaro, è facile aggiungere; ché abbiano avuto estati maggiormente colpite dai roghi e altre un po’ meno. Ma resta il fatto che la Basilicata è stata fin troppo martoriata anche da questo problema. Al di là delle diverse cause che ogni volta lo aumentano. Ma di certo le parole rilanciate anche da questi sindacati di categoria valgono: “prevenire è meglio che curare”.

NUNZIO FESTA

1 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *